Graduatoria test medicina 2019: l'ISEE serve subito?

Di Maria Carola Pisano.

Graduatoria test medicina 2019: l'ISEE è necessario per l'iscrizione? Chiarimenti per gli studenti che hanno pochi giorni per l'immatricolazione

TEST MEDICINA 2019

Graduatoria test medicina 2019: cosa succede con l'ISEE
Graduatoria test medicina 2019: cosa succede con l'ISEE — Fonte: istock

Il MIUR ha pubblicato la graduatoria alle ore 8:00 del 1 ottobre:

GRADUATORIA TEST MEDICINA 2019 ONLINE! ECCO IL LINK!

Ultimi giorni di tranquillità per tutti gli studenti che hanno svolto, il 3 settembre, il test medicina 2019. Il 27 settembre potranno finalmente accedere al loro punteggio, alla scheda anagrafica e al loro compito. Per sapere se sono entrati e in quale ateneo, però c'è da aspettare l'uscita della graduatoria il 1 ottobre. Dopo il primo ottobre gli studenti che risultato assegnati o prenotati (leggi la differenza tra gli status della graduatoria del test medicina 2019) hanno quattro giorni di tempo per immatricolarsi.

GRADUATORIA TEST MEDICINA 2019

Nel alcuni utenti si chiedono se e a cosa serve l'ISEE per l'immatricolazione all'università, visto e considerato che chi risulterà vincitore avrà poco tempo per immatricolarsi. Le cose si complicano se pensiamo che molti studenti sono già iscritti all'università e potrebbero dover chiedere il trasferimento o la rinuncia agli studi (alternative che vanno valutate caso per caso, anche chiedendo alle segreterie di riferimento). 

Ecco una domanda di un utente: 

"Quando si farà immatricolazione a medicina seguendo la storia degli scorrimenti, (tutto in 4 giorni) e dovendo fare anche trasferimento da altro ateneo, ci sarà bisogno subito anche dell'ISEE? Intendo dire: l'ISEE è richiesto?

La risposta è: dipende. L'ISEE, Indicatore della Situazione Economia Equivalente, è il documento che rappresenta il calcolo della situazione economica e patrimoniale del nucleo famigliare al quale lo studente appartiene. È necessario presentare l'ISEE in fase di immatricolazione all'università per aver un adeguamento delle tasse universitarie che variano in relazione all'ISEE. Per riassumere: più l'ISEE è alto, più si paga. Per questa ragione nei bandi dei corsi e nel manifesto degli studi degli atenei è specificato che l'ISEE deve essere richiesto con anticipo presso i CAF.

GRADUATORIA TEST MEDICINA 2019: A COSA SERVE L'ISEE

Questo significa che senza ISEE non ci si può immatricolare? No. Le alternative variano da università a università ma in linea di massima si possono riassumere come segue:

  1. La prima alternativa è scegliere di non dichiarare l'ISEE. In questo caso si pagheranno le tasse della fascia più alta.
  2. La seconda alternativa è pagare una prima rata forfettaria e chiedere l'adeguamento una volta che l'ISEE sarà pronto.

Attenzione: come già detto, le modalità di iscrizione senza ISEE variano da ateneo ad ateneo. È necessario quindi leggere due importanti documenti dell'ateneo in cui ci si vuole iscrivere:

  • Il manifesto generale degli studi;
  • Il bando di concorso a medicina. 

TEST MEDICINA 2019: TRASFERIMENTO O RINUNCIA AGLI STUDI?

Cosa fare in caso di trasferimento o rinuncia agli studi? Se sei iscritto a un altro ateneo ma sei in posizione utile nella graduatoria del test medicina 2019, puoi chiedere il trasferimento o la rinuncia agli studi. Anche questo deve essere valutato da caso a caso, a seconda anche dei CFU che si sono maturati durante gli anni precedenti. Quale strada scegliere? Chiedere in segreteria: non c'è una soluzione migliore in assoluto e cambia da ateneo ad ateneo. Considerato che dopo l'uscita della graduatoria test medicina 2019 i vincitori avranno solo 4 giorni per immatricolarsi, vi consigliamo di cominciare a informarvi presso le segreterie degli studenti per capire in anticipo di quali documenti avrete bisogno per richiedere il trasferimento e quali sono le tempistiche

Dove trovi le informazioni sui trasferimenti e sulla rinuncia agli studi? Sempre nel manifesto degli studi degli atenei di vostro interesse, che vi consigliamo di leggere attentamente. 

TEST MEDICINA 2019: NOVITÀ